Raccoglitori Oli Esausti e i dubbi del M5S di Viterbo

“Arrivano in città i raccoglitori degli oli esausti. Le risposte alle nostre domande arriveranno?”

Come M5S accogliamo favorevolmente la notizia dell’installazione dei raccoglitori di oli esausti domestici nella nostra città.
Non possiamo però non riproporre i dubbi già esposti dal nostro portavoce consigliere De Dominicis in merito ai costi di questa operazione.

Ci risulta infatti che la Provincia, fautrice del progetto, abbia dichiarato che i costi dei Comuni aderenti, tra cui Viterbo, sarebbero stati pari a zero. Tale tesi troverebbe riscontro all’interno della gara d’appalto assegnata alla ditta vincitrice. Abbiamo chiesto spiegazioni all’Assessore Saragoni in merito alla determina di spesa che dovrà sostenere l’Amministrazione Comunale e siamo in attesa di una risposta. Nel frattempo vorremmo porre all’attenzione il fat to che i raccoglitori dislocati, a poco servono senza una corretta comunicazione circa il loro utilizzo e senza la consegna dei contenitori domestici ai cittadini.

Fusti oli esausti Abbandonati

Fusti oli esausti Abbandonati

Anche in questo caso, vorremmo sapere se il costo della dist ribuzione di questi contenitori rientri nel progetto promosso dalla Provincia. Evidenziando che, ad oggi: la dislocazione dei contenitori risulta inefficiente, il software di gestione “Cip” non è funzionante, la consegna dei contenitori alle famiglie non è avvenuta, e soprattutto non vi è stata alcuna comunicazione all’utenza.

Nonostante tutto ciò, i cittadini più virtuosi stanno portando i propri oli esausti in contenitori improvvisati, lasciandoli incustoditi presso i raccoglitori, con seguente degrado e pericolo per la città.

Ci chiediamo infine chi sopperirà ai costi derivanti dal ripristino di contenitori danneggiati a causa del prolungato abbandono alle intemperie, alla totale assenza di manutenzione e monitoraggio degli stessi.

Articolo Precedente Articolo Successivo

Perchè non dai uno sguardo anche ad uno di questi articoli?