AMBIENTE E RIFIUTI

3 AMBIENTE E RIFIUTI
Il rispetto per l’ambiente in cui viviamo dovrebbe essere alla base di qualsiasi tipo di iniziativa che una amministrazione vuole intraprendere. Molti dei punti di questo programma sono stati studiati proprio in relazione alla preservazione, al recupero del patrimonio ambientale ed alla sua valorizzazione, consapevoli che solo con un equilibrio tra progresso e rispetto per l’ambiente sia possibile garantire sia innovazione che benessere per i cittadini.
In questa parte del programma abbiamo inserito un aspetto legato al rapporto tra ambiente e rifiuti, due tematiche strettamente correlate tra loro.
L’obiettivo da raggiungere, nelle nostre intenzioni, è quella del “rifiuti 0”!

 

ADESIONE ALLA PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DENOMINATA “ZERO WAST LAZIO” DI CUI I PUNTI CARDINE SONO:

NO ALL’INCENERIMENTO DEI RIFIUTI;

RACCOLTA DIFFERENZIATA SPINTA SU TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE;

CREAZIONE DI CENTRI DI RICICLO E  RECUPERO CON TRATTAMENTO MECCANICO E BIOLOGICO DEI RIFIUTI (MODELLO VEDELAGO);

COMPOSTAGGIO DELL’UMIDO CON REALIZZAZIONE IMPIANTO SU AREE RURALI VICINE AI LUOGHI DI UTILIZZO DEGLI AGRICOLTORI ED INCENTIVAZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO;

 

INOLTRE:

VERIFICA E CONTROLLO DEL RISPETTO DELLE PERCENTUALI PREVISTE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DA PARTE DELLA NUOVA SOCIETA’ GESTORE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI CON STUDIO PER EVENTUALI INCREMENTI DELLE PERCENTUALI IN TEMPI BREVI.

SCONTI PER ESERCIZI COMMERCIALI CHE ABOLISCANO L’ ”USA E GETTA”

TARIFFAZIONE PUNTUALE CON PAGAMENTO DELLE UTENZE SULLA BASE DELLA PRODUZIONE EFFETTIVA DI RIFIUTI NON RICICLABILI CON CONSEGUENTE PREMIAZIONE DEI COMPORTAMENTI VIRTUOSI DELLA CITTADINANZA

 VINCOLO DI ACQUISTI ECO-COMPATIBILI PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

OBBLIGO DI INSTALLARE DISTRIBUTORI ALLA SPINA PER OGNI CATEGORIA DI PRODOTTO NEI GRANDI CENTRI DI DISTRIBUZIONE E RIDUZIONE DEL NUMERO DI IMBALLAGGI

INCENTIVAZIONE ECONOMICA PER IL VUOTO A RENDERE NEI SUPERMERCATI

CORSI DI FORMAZIONE ALLA CULTURA DEL RICICLO NELLE SCUOLE E INFORMAZIONE CAPILLARE CIRCA NORME E MODALITA’ PER LA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI ANCHE INGOMBRANTI

INCENTIVI ALL’USO DI MATERIALI LOCALI NELL’EDILIZIA, PER QUANTO POSSIBILE, E RICICLO DEI MATERIALI PROVENIENTI DALLE DEMOLIZIONI;

PROGRAMMA DI RACCOLTA UMIDO PER BAR E RISTORANTI;

OBBLIGO DI UTILIZZO DI STOVIGLIE LAVABILI PER MENSE SCOLASTICHE E DI UTILIZZO DI ACQUA DI RUBINETTO (UNA VOLTA CHE QUESTA SIA FINALMENTE PRIVA DI SOSTANZE INQUINANTI);

RACCOLTA DEGLI OLI DOMESTICI USATI E RAFFINAZIONE IN BIOCARBURANTE PER UTILIZZO VEICOLI AMMINISTRAZIONE COMUNALE (vedi esempio Comune Corchiano);

OBBLIGO DI SEPARAZIONE DEI RIFIUTI IN OCCASIONE DI FESTE, MERCATI, SAGRE ECC.;

VERIFICA E CONTROLLO DEL RISPETTO DELLA NORMA DEL RITIRO DELL’USATO PER GLI ELETTRODOMESTICI DA PARTE DEI COMMERCIANTI;

OBBLIGO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA PER UFFICI PUBBLICI COMPRESI OSPEDALI E TRATTAMENTI INERTIZZANTI DEI RIFIUTI OSPEDALIERI;

INCENTIVAZIONE DELLA CREAZIONE DI ATTIVITA’ PER IL RECUPERO DELLE MATERIE PRIME E SECONDARIE DA RICOLLOCARE NEL CICLO PRODUTTIVO

installazione di raccoglitori   Automatici del vuoto a rendere (vedi caso tedesco) e sostituzione dei  cestini pubblici con modelli specifici per la differenziata.

 INIZIATIVE DI “MERCATINI DEL RIUSO” PER LO SCAMBIO SOLIDALE TRA CITTADINI DEI MATERIALI NON PIU’ USATI MA ANCORA UTILIZZABILI 

Articolo Precedente Articolo Successivo

Perchè non dai uno sguardo anche ad uno di questi articoli?