A chi “appartiene” la macchina di S. Rosa?

Viterbo, 15 ottobre 2014
Il Movimento 5 Stelle Viterbo esprime la propria solidarietà nei confronti dei cittadini viterbesi e del Sodalizio dei facchini di Santa Rosa per le sorprendenti esternazioni di una maggioranza poco attenta al rinnovamento e a volte drammaticamente inesperta. Vedere esclusi cittadini, facchini,curia e università dalla commissione tecnica che sceglierà la nuova Macchina di Santa Rosa non può che farci dispiacere. Per giungere a questo infausto epilogo ci sono voluti un giorno e mezzo di discussioni e di lavoro in consiglio comunale ed il finale è stato a dir poco grottesco.

L’emendamento presentato dal nostro portavoce, accolto con parere favorevole del segretario generale, prevedeva un maggior coinvolgimento popolare in quella che è una, anzi “La Festa” di  tutti i viterbesi e non di un ristretto gruppo di tecnici comunali, ma è stato bocciato dalla variegata e camaleontica maggioranza di Palazzo dei Priori.

Per noi la consultazione con i cittadini ed il loro coinvolgimento nella scelta del progetto della Macchina di Santa Rosa era doveroso e necessario: doveroso perché nel pieno rispetto di una delibera di due anni fa del consiglio comunale che prevedeva la partecipazione e la consultazione popolare, necessario perché i più grandi estimatori e conoscitori della macchina di Santa Rosa sono proprio i viterbesi.

Ridursi all’ultimo minuto per dibattere su un argomento così importante è sintomo quantomeno di scarsa conoscenza della materia. Dal nostro punto di vista decidere di non coinvolgere cittadini e realtà culturali e religiose nell’iter che porterà alla scelta della nuova Macchina di Santa Rosa è ingiusto, tanto più se il dubbio è che, più che per dare una nuova Macchina ai viterbesi, tanta fretta sia solo per accontentare il Presidente della regione Lazio Zingaretti che la vuole per Milano Expò 2015.
Siamo d’accordo con consiglieri di maggioranza quando affermano che la Macchina non è dei facchini ma aggiungiamo che di certo non è nemmeno del presidente della Regione Lazio!

La Macchina e la celebrazione del trasporto di Santa Rosa sono prima di tutto patrimonio dei Viterbesi perché sono loro che da generazioni scendono in piazza per il trasporto e perché sono loro a trasportare la macchina sulle proprie spalle!
Infine pensiamo che dare più voce ai viterbesi nelle questioni di pubblico interesse rappresenti un valore aggiunto e non un limite, come sembra invece pensare l’attuale maggioranza, perché il sistema delle deleghe in bianco, purtroppo ancora molto attuale, odora di stantio e non rappresenta il cambiamento. Avremmo voluto discutere con tempi e modi consoni un argomento tanto importante per i viterbesi ma ciò non è stato possibile a causa dell’abitudine della maggioranza di proporre solo pratiche in emergenza.
Questo, oltre alla nostra contrarietà per quanto contenuto nel documento proposto, ci ha costretti a votare contro la delibera della giunta che, vista la fretta con la quale ha voluto liquidare l’argomento, ci è sembrata più interessata ad un inchino della Santa ai “bossetti“ dell’EXPO
piuttosto che ai desideri dei nostri concittadini.

Per cambiare cambia, diceva qualcuno… a noi sembra che non sia cambiato proprio nulla.
MoVimento 5 stelle Viterbo

Articolo Precedente Articolo Successivo

Perchè non dai uno sguardo anche ad uno di questi articoli?